Tagliare La Testa di un Serpente: Una Favola Sfacciata

Il Serpente

Quando i miei figli erano piccoli, avevamo l’abitudine di trascorrere le prime serate in giardino. I bambini giocavano a piedi nudi, mentre io e mio marito parlavamo dei nostri giorni.

I nostri animali domestici – un cane, due gatti e molte galline – hanno completato il quadro domestico. 

Una sera, con la coda dell’occhio, ho visto un gatto comportarsi in modo strano. Il gatto sibilava e la sua coda era arruffata.

Quando ho indagato, ho trovato un serpente impigliato in una rete per uccelli che avevo eretto per proteggere le mie verdure. 

Ho subito chiamato mio marito, che ha confermato che il serpente non poteva sfuggire alla rete. Ho detto a mia figlia di prendere il libro sulle velenose creature dell’Australia e ho detto a mio figlio di prendere l’ascia.

Abbiamo identificato il serpente. Era il Taipan interno, il serpente più letale del mondo. Wikipedia dice: “Il veleno è così tossico che un solo morso è sufficiente per uccidere almeno 100 adulti umani o 250,000 topi”. Il taipan è anche uno dei serpenti più aggressivi.

Il mio marito ha trascinato la rete sull’erba e ha tagliato la testa del serpente. Sapendo quanto fosse velenoso, abbiamo seppellito il corpo in una buca profonda e sostituito il tappeto erboso.

La mattina dopo e nei giorni successivi, l’erba dove era stato sepolto il serpente cominciò a morire. È cresciuto fino a coprire un metro quadrato.

Non ho lasciato che i miei figli giocassero in giardino a piedi nudi per molto tempo.

La morale di questa storia è: “Puoi decapitare un serpente e seppellirlo in profondità nel terreno, ma il veleno è ancora lì. Fai attenzione a dove cammini!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s