Quella volta si pensavano che fossi una spia

Quando vivevo in Tailandia, vivevo e lavoravo in un piccolo villaggio. Non c’era assolutamente niente da fare la sera. Andavo a Bangkok per divertimento.

L’unico problema era che ci volevano sedici ore in autobus e venti ore in treno notturno. Ciò ha reso impossibile andarci solo per un fine settimana. Un giorno mi sono lamentata di questo con il mio collega.

Mi ha detto che se volevo volare, dovevo andare al minuscolo aeroporto vicino al nostro villaggio, e chiedere di suo fratello.

Poiché la mia conoscenza della lingua tailandese era incompleta, ero abituata a non capire la maggior parte delle situazioni. Così sono andata all’aeroporto senza idea di cosa sarebbe successo.

Ho scoperto che l’aeroporto era un’installazione militare e il fratello della mia collega era un generale a tre stelle. Lui era sorpreso di vedermi e ancora di più quando gli dissi perché ero lì.

Mi ha chiesto di aspettare, e solo allora ho capito di essere l’unica donna alla base. Tutti i soldati mi guardavano con curiosità.

Ho visto il generale incontrare altri ufficiali in una stanza sul retro. Stavano parlando con toni urgenti, ma non riuscivo a capire le loro parole.

All’epoca non lo sapevo, ma pensavano che fossi una spia. Allora non c’erano telefoni, quindi non potevano controllare la mia storia.

In Tailandia, come la maggior parte dell’Asia, esiste il concetto di “perdere la faccia”. Se si è rifiutato di portarmi, avrebbe perso la faccia con i suoi soldati e sua sorella, quindi ha accettato di portarmi in volo a Bangkok.

Ancora al buio, mi portò all’aereo, dove stavano salendo cento soldati. Mi ha aiutato a mettere un paracadute. Questo mi ha fatto prendere dal panico! A questo momento, vedendo la mia faccia, penso che sapeva per certo che non ero una spia.

In meno di un’ora eravamo a Bangkok. Il generale mi ha portata a casa sua per pranzo e poi mi ha mandato in un’auto militare al mio ostello. Ha detto che sarebbe venuto a prendermi domenica sera.

È stato così facile, speravo di poter fare lo stesso ogni fine settimana. Tuttavia, il generale rimproverò sua sorella e non fui mai più invitata su un volo militare.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s